Specialissimo, il bello del web - Home Page Specialissimo

La politica dei Savoia

(Piemonte - XIII Secolo)



Agli inizi del XIII secolo i domini sabaudi, governati dal conte Tommaso I, erano costituiti in massima parte da terre collocate in area francese, mentre in Italia si limitavano ad Aosta e valle di Susa fino ad Avigliana.

Ma proprio in questi anni i Savoia iniziano a dedicarsi allo sviluppo verso il Piemonte. In questa ottica, Tommaso I nel 1207 riesce ad ottenere dall'Imperatore il controllo di Chieri e Testona, e pochi anni dopo stipula due importanti trattati con le potenti cittÓ di Asti e Vercelli, volti proprio a definire obiettivi e limiti alle rispettive mire espansionistiche.


Di notevole importanza fu l'accorta politica matrimoniale che permise ai Savoia di stringere alleanze con tutte le maggiori corti Europee. Basti pensare alle quattro figlie di Beatrice, a sua volta figlia di Tommaso I, che sposarono rispettivamente il re di Francia, il re d'Inghilterra, il re di Germania ed il re di Sicilia.

Zoom della foto

Nel 1223, alla morte di Tommaso I, il potere pass˛, non senza varie discordie interne, in mano al figlio Amedeo IV. Negli anni Quaranta del XIII secolo, Amedeo attu˛ una proficua politica di espansione in Piemonte, ottenendo la sottomissione di Cumiana, Villafranca, Pinerolo, oltre a vari diritti su altre signorie minori.

Nella seconda metÓ del Duecento, acquisisce grande importanza Tommaso II, fratello di Amedeo. Per varie circostanze egli si trov˛ di fatto a governare la maggior parte del Piemonte, quale tutore dei tre giovanissimi reggenti del marchesato di Saluzzo, del marchesato del Monferrato e del ducato di Savoia.


Indietro

Informativa - Preferiti

Specialissimo © 2002-2024 by Franco C.