Specialissimo, il bello del web - Home Page Specialissimo

L'occupazione angioina

(Piemonte - XIII Secolo)



Nella seconda metà del Duecento il Piemonte conobbe la prima dominazione angioina. Il capostipite Carlo, in seguito alla morte del padre, si trovò a capo di vasti possedimenti nel sud della Francia, in Provenza, confinanti col Piemonte.

Dopo la morte di Federico II, Carlo d'Angiò fu invitato dal Papa ad impossessarsi del Regno di Sicilia, per contrastare il potere dell'Impero. Per tale impresa era essenziale ottere il diritto di passaggio attraverso il Piemonte meridionale.


L'opportunità si presentò verso il 1256 quando il conte di Ventimiglia, allora in lotta contro il comune di Genova, chiese l'aiuto di Carlo concedendogli la sovranità sulle sue terre che comprendevano tutta la valle di Tenda.

Ben presto molti comuni, come Cuneo, Alba, Savigliano e Mondovì, minacciati continuamente dalle mire espansionistiche di Asti e dei marchesati di Saluzzo e Monferrato, seguirono il suo esempio facendo dedizione a Carlo ed estendendo l'influenza degli angioini in Piemonte.

Zoom della foto

Negli anni successivi il dominio angioino in Piemonte si rafforzò con la conquista di Torino ed Alessandria. Ma l'interesse di Carlo era volto altrove, al consolidamento del suo potere nell'Italia meridionale e nel tentativo di riconquistare l'impero latino d'Oriente.

Per questo quando nel 1271 il comune d'Ivrea gli fece atto di dedizione scatenando la costituzione di una forte lega anti-angioina, la sua reazione fu piuttosto debole.

Dopo alcune sconfitte di poco rilievo, nel 1275 si arrivò alla decisiva disfatta di Roccavione che di fatto portò alla fine della prima dominazione angioina del Piemonte.


Indietro

Informativa - Preferiti

Specialissimo © 2002-2019 by Franco C.