Specialissimo, il bello del web - Home Page Specialissimo

L'occupazione dei Romani

(Piemonte - Antichità)



Le prime spedizioni romane risalgono ad un secolo prima di Cristo. Molto famosa è la Battaglia dei Campi Raudii, chiamata anche Battaglia di Vercelli, che fu combattuta nel 101 a.C. fra un esercito della Repubblica Romana, comandato dal console Caio Mario ed un potente corpo di spedizione composto da tribù germaniche di Cimbri, vicino all'insediamento di Vercellae (la moderna Vercelli).

I Cimbri furono letteralmente distrutti, con più di 140.000 morti e 60.000 prigionieri, compresi moltissimi fra donne e bambini. Una gran parte del merito di questa vittoria fu attribuito a Lucio Cornelio Silla, legato del proconsole Quinto Lutazio Catulo, che comandava la cavalleria romana e degli alleati italici.


Ma la prima vera occupazione del Piemonte da parte dei Romani risale all'epoca di Cesare, durante la campagna gallica. Comunque, solo una parte della regione venne annessa a Roma da Cesare: l'altra, specie l'area montuosa, era ancora in mano a popolazioni primitive, che vennero sottomesse quasi del tutto solo da Ottaviano Augusto. Il Piemonte venne diviso tra la Gallia Cisalpina e le provincie romane delle Alpes Cotiae, Alpes Marittimae ed Alpes Poenniae.

La città di Torino pare sia sorta in epoca romana (intorno al 27 a.C.) poco lontano da un insediamento di Taurini, da cui potrebbe prendere il nome (D'altronde, il nome romano per Torino era Julia Augusta Taurinorum, cioè dei Taurini). Oltre a Torino, i Romani fondarono alcune tra le principali città piemontesi: Asti, Alba, Acqui Terme, Novara, Vercelli ed Eporedia (Ivrea).

Zoom della foto

Le dimensioni di queste città non erano di gran rilievo: più che altro, i romani avevano creato questi borghi partendo da campi militari trincerati (da qui la pianta quadrangolare che caratterizza il centro di queste città), solo successivamente esse erano passate ad ospitare civili, anche se comunque si trattava sempre di una popolazione scarsa.

Evento significativo nella storia piemontese è, alla fine dell'epoca romana, la Battaglia di Pollenzo. La battaglia, che ebbe luogo il 6 aprile 402 d.C., è da considerarsi come il tentativo dei romani guidati da Stilicone di allontanare dall' Italia i Visigoti di Alarico, dopo i saccheggi delle città della pianura padana e l'assedio di Milano. Dalla Rezia, Stilicone torna con rinforzi e libera Milano dall'assedio di Alarico, che si dirige su Asti. I Visigoti sono raggiunti dall'esercito romano a nei pressi di Pollentia e sconfitti.

Trovi altri approfondimenti nella Storia di Falicetto di Specialissimo.


Indietro

Informativa - Preferiti

Specialissimo © 2002-2019 by Franco C.